Bonus mobilità: tutto quello che c’è da sapere

Bonus mobilità: tutto quello che c’è da sapere

Tra i contenuti del Decreto Rilancio spicca il Bonus mobilità; spesso chiamato Bonus bici o Bonus monopattino consiste in uno sconto sull’acquisto di mezzi di trasporto ecologici per gli abitanti dei centri urbani più affollati

Nel Decreto Rilancio del 19 maggio 2020 sono stati inseriti tra i 266 articoli, una serie di bonus che faciliteranno il ritorno alla vita di tutti i giorni attraverso sconti e tanti vantaggi sia per i privati che per alcune imprese. Tra i vari Bonus vacanze e Sisma bonus, ne spicca uno: il Bonus mobilità. Probabilmente ne avrete sentito parlare con il nome di Bonus bici o Bonus monopattino. Ma in che cosa consiste? Chi può ottenerlo? E come?. In questo articolo vi andrò a spiegare tutte le informazioni utili riguardo ad esso.

Che cos’è il bonus mobilità?

Lo scopo di questo bonus è quello di favorire gli spostamenti, nei centri urbani più affollati, attraverso mezzi di trasporto alternativi ed ecologici. Il Bonus mobilità dunque consiste in uno “sconto” pari al 60% del prezzo di acquisto ma non superiore ai 500€. Questo contributo può essere utilizzato acquistando monopattini elettrici e biciclette, anche con pedalata assistita, o altri veicoli a propulsione elettrica, quali hoverboard e segway. Tuttavia sono escluse dal Bonus mobilità le automobili, anche elettriche o ibride.

Chi può richiedere il bonus?

Il bonus è accessibile ai maggiorenni che hanno residenza e non domicilio nei seguenti centri (anche con meno di 50.000 abitanti): città metropolitane, capoluoghi di regione e capoluoghi di provincia. Inoltre il bonus è esteso a tutti i comuni non presenti nelle tre categorie scritte sopra che però devono avere più di 50.000 abitanti. In Emilia Romagna, poiché i piccoli comuni italiani non possono usufruire del bonus, questo contributo è esteso ai comuni facenti parte del Pair (piano aria integrato regionale) tra cui ad esempio Riccione.

Come si ottiene questo contributo?

Il Bonus mobilità potrà essere richiesto attraverso un’applicazione web che è ancora in fase di progettazione. Per accedere a questa applicazione sarà necessario possedere le credenziali SPID (Sistema pubblico di identità digitale). Come già detto però l’applicazione non è ancora attiva, quindi fino a quando questa non verrà creata, è previsto un rimborso al beneficiario: chi acquista, pagando il 100% del prezzo verrà rimborsato del 60%. Per ottenere lo sconto bisogna conservare la fattura (e non lo scontrino) e allegarla poi all’istanza presentabile con l’applicazione quando questa sarà creata. Per acquisti successivi alla creazione dell’app, il cliente dovrà pagare al venditore solo il 40% del prezzo d’acquisto grazie ad un buono che si ottiene con l’applicazione, mentre il venditore riceverà il restante 60% successivamente.

Altre informazioni importanti

Infine ecco alcune indicazioni importanti: il Bonus mobilità può essere richiesto una sola volta e per un singolo acquisto. Inoltre potrà essere usato non solo per acquistare mezzi di trasporto alternativo nuovi, ma anche mezzi usati. Infine vi informiamo che il bonus è accessibile già dal 4 maggio 2020 e lo si potrà utilizzare fino al 31 dicembre 2020.

Paolo Schmutz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *