Energie rinnovabili in Nigeria

Energie rinnovabili in Nigeria

Con l’arrivo del COVID-19 anche in Nigeria i costi sono aumentati, mentre i guadagni diminuiscono. Per contrastare questa crisi, associazioni come GVE, i cui progetti legati all’energia rinnovabile sono stati sospesi, hanno deciso di offrire energia continua ad ospedali e centri di isolamento attraverso alcuni pannelli solari.

Così come nel resto del mondo, anche in Nigeria la pandemia ha portato gravi problemi all’economia. Nel paese africano le entrate legate all’industria petrolifera sono notevolmente calate. Tra i tanti settori colpiti dalla pandemia non rimane esclusa l’industria delle energie rinnovabili. Molti dei progetti che erano pronti a partire o già inoltrati sono stati fermati. Inoltre, nuovi problemi legati alla rete elettrica sorgono ogni giorno e a causa del distanziamento sociale e delle altre restrizioni non sempre possono essere sistemati.

Dunque, nonostante i costi dei progetti aumentino e con essi i debiti, la pandemia può essere un trampolino di lancio per le energie rinnovabili. Grazie alla loro economicità, queste energie possono soddisfare l’alta richiesta energetica di paesi come la Nigeria oltre che aiutare le strutture sanitarie che necessitano di una fornitura urgente e costante di elettricità. Partono proprio da queste necessità le innovazioni di associazioni come Green Village Electricity Projects.

GVE, una mini compagnia di rete, ha deciso di fornire energia continua alle strutture sanitarie che la richiedono a causa della pandemia. Attraverso nuovi pannelli solari, GVE sta cercando di aiutare l’economia stagnante della Nigeria fornendo energia rinnovabile per i settori essenziali dell’economia. Hanno infatti implementato una soluzione solare da 18KVA con un accumulo della batteria da 30kWh presso l’Eleme General Hospital.

Il raggiungimento di questo ed altri obiettivi è dovuto anche all’aiuto di All On, una società di investimento a impatto rinnovabile off-grid che opera in Nigeria. All On ha investito fondi su associazioni come GVE che puntano ad aiutare il settore sanitario attraverso le energie rinnovabili.

GVE, per poter raggiungere sempre più persone, ha inoltre deciso di fornire le sue energie rinnovabili alle strutture sanitarie con uno sconto dell’80% per sei mesi. Oltre a garantire energia rinnovabile ininterrotta agli ospedali, GVE ha di recente firmato un accordo per fornire i suoi servizi anche al mercato della capitale Abuja, il Wuse Market, uno dei più grandi d’Africa.

Paolo Schmutz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *