Xavi Cardelùs è pronto al debutto in MotoE

Xavi Cardelùs è pronto al debutto in MotoE

Xavi Cardelùs è pronto al suo primo anno in MotoE con il Team Avintia. Il 2020 sarà molto ricco per Xavi: oltre a correre in MotoE correrà anche nel CEV nella categoria Moto2.

L’arrivo di luglio ci fa capire che il mondiale di MotoE è alle porte e mancano soltanto 17 giorni all’inizio del campionato. Xavi Cardelùs pilota si appresta a vivere il suo primo campionato elettrico e correrà per il Team Avintia insieme al compagno di squadra il brasiliano Eric Granado, vincitore lo scorso anno dei due gran premi svolti a Valencia.

Xavi non sarà impegnato solo in MotoE, ma correrà anche nel FIM CEV Repsol nella categoria Moto2 con il Team Stolybike, con la prima gara prevista per  il 7 luglio.

Se per quanto riguarda la MotoE questo sarà un anno da rookie per Xavi, non lo è per quanto riguarda il motomondiale, dove il pilota andorrano ha esordito nel 2018. Nel 2018 Xavi ha corso per molte gare come wild card nel mondiale Moto2, prima nel Team Stolybike e poi nel Team Snipers per sostituire lo squalificato Romano Fenati. Nel 2019 Xavi ha disputato inoltre tutte le gare del mondiale Moto2 con il Team Nieto.

Durante i test invernali di Jerez, Xavi si è impegnato tantissimo per prendere confidenza con la MotoE, arrivando a percorrere durante i test ben 74 giri per un totale di 325 km. Il centauro ha chiuso i tre giorni di test in 14° posizione e combinando i tempi delle giornate ha stabilito un tempo di 1:48:749 ad 1.255 secondi dal primo.

“Finalmente siamo contenti del primo contatto con la moto. Sono stati tre giorni di test molto positivi perché l’adattamento è stato veloce e l’importante è che in ogni sessione ho fatto progressi, e credo che questa sia la cosa più importante. C’è ancora un po’ di lavoro da fare, ma credo che partiamo con il lavoro fatto che è stato quello di fare un 1:48. Sono felice e grato alla squadra”.  

Xavi Cardelùs

La pandemia da Covid-19 ha sicuramente penalizzato il centauro di Andorra. Xavi ha provato la moto solo durante i test invernali e questo non lo ha aiutato a migliorare il suo feeling con la moto elettrica.

L’ultima volta che ho guidato su un circuito è stato per i test MotoE, svolti a Jerez dal 10 al 12 marzo. Non vedo l’ora di ricominciare per prepararmi per questa stagione, nonostante tutti i cambiamenti per la crisi da coronavirus sarà un’annata molto interessante. L’obiettivo di questo primo test al MotorLand Aragón è ritrovare le giuste sensazioni dopo questo lungo stop”.   

Xavi Cardelùs

Riccardo Ventura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *