L’emergenza covid-19 non ha fermato Tesla che raggiunge nuovi record

Nonostante il covid-19 Tesla raggiunge il quinto trimestre in utile. Verso il mezzo milione di auto nel 2020

Tesla, nonostante la pandemia del covid-19, supera le aspettative con il quinto trimestre consecutivo in untile, con un fatturato in crescita a 8,77 miliardi di dollari, i precedenti 6,33 e gli 8,36 previsti.

Non sappiamo con esattezza di perdite di denaro come nei trimestri precedenti, ciononostante la vendita dei “crediti ecologici” o “crediti verdi” per 397 milioni di dollari ha favorito la performance della società.

I crediti verdi anti-inquinamento sono una fonte importante di ricavi per Tesla in quanto gli stati americani nello scorso anno hanno aumentato la percentuale di veicoli ad emissione zero.

Negli Stati Uniti come in Europa l’economia tarda a ripartire a causa della nuova ondata dei contagi.

Gli analisti vedono il mercato Cinese fondamentale per la crescita di Tesla, in quanto le vendite sono rimaste stabili nel trimestre Luglio-Settembre.

Nei giorni scorsi Tesla ha dichiarato che le auto prodotte in Cina inizieranno a essere vendute anche in Europa.

Inoltre ha annunciato di aver aumentato gli obbiettivi di produzione dello stabilimento di Shanghai. Pronti alla costruzione nuovi stabilimenti in Germania e in Texas, che potrebbero iniziare a produrre già da inizio anno nuovo.

Il produttore californiano di auto elettriche ha spiegato che nel prossimo futuro cercherà di diminuire i costi, migliorare l’efficienza e aumentare la capacità produttiva degli impianti esistenti.

Durante la conference call con gli analisti, Elon Musk ha ribadito l’obbiettivo di consegnare almeno 500 mila auto elettriche entro il 2020.

Per il 2021, Tesla prevede di arrivare a consegnare tra le 840mila e 1 milione di auto elettriche.

Vediamo continuare a crescere l’interesse nelle nostre auto e nei nostri prodotti e siamo concentrati nella prossima fase della nostra crescita.

SEGUITECI ANCHE SU INSTAGRAM PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Gaia Pacini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *