Jenson Button farà il suo debutto in Extreme E quest’anno

Jenson Button farà il suo debutto in Extreme E quest’anno

Jenson Button in Extreme E manca solo l’ufficialità, egli non sarà solo il proprietario del team ma sarà anche pilota. Questo campionato non è ancora partito e non si è nemmeno ancora presentato, eppure continua a far parlare di sé sempre di più.

Jenson Button in Extreme E un altro campione della Formula1 approda nel campionato di Suv elettrici. Ma l’inglese si è spinto più avanti rispetto a quello che hanno fatto i suoi colleghi. Lewis Hamilton e Nico Rosberg, che sono solo i proprietari del team, Jenson sarà oltre che proprietario anche pilota. Alejandro Agag può coccolarsi la sua nuova creatura che continua a siglare colpi su colpi. Questo sta a dimostrare come molti grandi del motorsport hanno a cuore la lotta contro il cambiamento climatico e cercano di sensibilizzare il mondo a loro modo.

Il team di Jenson Button dovrebbe chiamarsi JBXE, dovrebbe perché ancora non è stato dato l’annuncio ufficiale che sarà a breve. Dovrà essere svelato anche l’altro pilota che sarà una donna, visto che il regolamento dice che il team deve avere un maschio e una femmina. Button è sempre stato innamorato dalle corse su sterrato anche se lui nasce e si è consacrato su pista. Nella sua carriera ha già corso la Baja 1000 in Messico, nella bassa California, conclusasi però con una rottura che gli è costato passare tutta la notte sotto le stelle. Ma questa volta sarà tutto diverso perché ad attenderlo ci saranno i migliori piloti di rally.

Con l’approdo del team del pilota oltremanica ci saranno altri nove team per un totale di dieci team! Un numero incredibile visto che parliamo della prima edizione dell’Extreme E. il campionato prenderà il via il 3-4 aprile in Arabia Saudita. Ad attenderlo oltre ai team dei due campioni del mondo di Formula1 ci saranno scuderie come: Andretti United, Chip Ganassi Racing, Acciona Sainz insomma tutti team che nel mondo delle corse sono famosissimi. Ma è tra i piloti che la cosa si fa ancora più entusiasmante, Jenson dovrà sfidare piloti come Sébastien Leob, Carlo Sainz sr. per non parlare di Johan Kristoffersson.

Un accenno alla storia di Jenson Button

Jenson Button deve tutta la sua fortuna al padre Jhon che per farlo correre si è venduto il suo autosalone di automobili. Jenson ha sempre ringraziato il padre per quel gesto e a San Paolo in Brasile nel 2009 si è laureato campione del mondo della Formula1 sulla “Fenice” BrawnGP. Button però a collezionato altre vittorie come la prima con la Bar Honda, Ungheria 2006 e poi quelle con BrawnGP e con la McLaren. Con la scuderia inglese viene in mente la grandissima gara di Canada 2011 che sotto il diluvio, dopo un contatto, si ritrovò ultimo e giro dopo giro ritornò sempre più in alto vincendo la gara all’ultimo giro contro Sebastian Vettel. Il suo arrivo nel mondo rally però, è anche nel nome del padre morto nel 2014, che è stato un ex pilota di rallycross.

SEGUITECI ANCHE SU INSTAGRAM PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Riccardo Ventura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *